Durante gli interventi di chirurgia oncologica è necessario determinare con certezza il confine di una lesione tumorale. Se il chirurgo per prudenza decide di rimuovere molto più tessuto del dovuto, asportando anche del tessuto sano, rischia di arrecare un danno al paziente. Se invece decide di rimuoverne troppo poco, corre il rischio che il paziente possa incorrere in una recidiva.

Nel 2013 alcuni ricercatori dell’Imperial College di Londra hanno sviluppato un sistema in grado di in grado di “annusare” il fumo generato dall’uso dell’elettrobisturi, rilevando quasi istantaneamente se l’area su cui si sta operando contiene cellule tumorali o cellule sane. Continua a leggere “Il “bisturi intelligente” che aiuta il chirurgo nell’identificare il tessuto tumorale”