Il Fornitore di beni destinati ad attività professionali (acquisto con fattura intestata a partita IVA) è tenuto a fornire garanzia per un periodo non inferiore ai dodici mesi dalla consegna del bene (o, come spesso specificato in molti capitolati, dalla data di completamento con esito favorevole della procedura di collaudo).

Il riferimento legislativo è il Codice civile italiano, che al libro quarto (“Delle obbligazioni”) titolo III (“Dei singoli contratti”) definisce l’acquirente utilizzatore finale come “compratore”: l’art. 1490 c.c. regolamenta la garanzia del venditore per i vizi della cosa venduta, e l’art. 1495 c.c. definisce i termini di garanzia e la sua durata.

Questo tipo di garanzia, denominata garanzia commerciale, è a tutti gli effetti una garanzia di buon funzionamento: essa non garantisce l’assenza di vizi originari, ma il fatto che non si presentino difetti per effetto dell’uso protratto nel tempo. La durata della garanzia commerciale è generalmente limitata a dodici mesi, fatto salvo diverse indicazioni presenti sul capitolato d’appalto o diverse condizioni esplicitamente segnalate dal Fornitore direttamente in fattura o sul certificato di garanzia.

Non esiste alcun diritto di richiedere la garanzia se il difetto o il danno è stato provocato da un utilizzo non conforme. Si definiscono non conformi ad esempio le seguenti azioni: riparazioni o interventi eseguiti da parte di persone non autorizzate dal produttore all’apertura dell’apparato (ha lo stesso valore dell’intervento di un terzo non autorizzato); manipolazione di componenti dell’assemblaggio; manipolazione del software; difetti o danni provocati da caduta, rottura, fulmine o infiltrazioni di liquidi. Inoltre la garanzia commerciale non include gli interventi di manutenzione periodica prescritti da Fabbricante (o dalle norme tecniche CEI).

Nel caso di sostituzione del prodotto o di un componente, i prodotti o le singole parti rese, a fronte della sostituzione, diventano di proprietà del produttore. Inoltre la prestazione eseguita in garanzia non prolunga il periodo della garanzia.

Per meglio rispondere alle esigenze di ciascun Acquirente, è possibile inserire nel capitolato d’appalto una più esplicita descrizione dei livelli di servizio richiesti durante il periodo di garanzia, oltre che una diversa durata della garanzia (es. 24 o 36 mesi). La richiesta di specifici livelli di servizio o una maggior durata della garanzia commerciale può comportare un aumento del costo del bene che si desidera acquistare.

Garanzia standard Garanzia commerciale di buon funzionamento.
Garanzia “full service” Garanzia commerciale di buon funzionamento, che include l’esecuzione di eventuali attività di manutenzione periodica previste dal Fabbricante.
Garanzia “full risk” Garanzia commerciale di buon funzionamento, completa di clausola di tutela “kasko” in caso di danni accidentali, e che include l’esecuzione di eventuali attività di manutenzione periodica previste dal Fabbricante.

Avvertenze: Le immagini presenti in questa pagina hanno il solo scopo di rappresentare visivamente la categoria di apparecchiatura descritta nella presente documento, senza alcuna  corrispondenza tra la descrizione e le apparecchiature presenti nelle immagini. Tutti i marchi riportati appartengono ai legittimi proprietari; marchi di terzi, nomi di prodotti, nomi commerciali, nomi corporativi e società citati sono stati utilizzati a puro scopo esplicativo ed a beneficio del lettore, senza alcun fine di violazione dei diritti di Copyright vigenti.

Licenza Creative Commons

Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Annunci